top of page

IL NARCISISTA È UNO PSICOPATICO O UNO PSICOTICO?

Professionalmente, gli psicopatici possono essere diagnosticati come antisociali, narcisisti, borderline o istrionici.

Le stime ufficiali relative alla percentuale di persone che hanno questi disturbi di personalità riferiscono in media circa il 12% della popolazione.

In questo senso, è fondamentale chiarire la differenza tra "psicotico" e "psicopatico".


I disturbi psicotici sono gravi disturbi mentali che causano pensieri e percezioni anormali.

Gli psicotici perdono quindi il contatto con la realtà.

Due dei sintomi principali sono deliri e allucinazioni.


La psicopatia, invece, non è una malattia ma è un disturbo della personalità.

Gli psicopatici non sono disorientati o fuori dal contatto con la realtà, né sperimentano i deliri, le allucinazioni, o l'intenso disagio soggettivo che caratterizzano la maggior parte dei disturbi psicotici.

A differenza degli individui psicotici, gli psicopatici sono razionali e consapevoli di ciò che stanno facendo e si caratterizzano come persone egocentriche, insensibili e senza rimorsi, profondamente prive di empatia e della capacità di formare relazioni emotive calde con gli altri: persone che funzionano senza i vincoli di una coscienza.

Va sottolineato come ci sia una componente genetica molto forte nella psicopatia, quindi molti di questi individui nascono esattamente così.

Non è che un narcisista fosse in grado di amare, preoccuparsi e agire con moralità, e poi abbia smesso.

Drammaticamente, non ha mai avuto queste capacità.

E così come non si può spiegare la differenza tra i colori rosso e blu a una persona che è cieca dalla nascita, allo stesso modo, non si può spiegare il valore di "amore" e "vergogna" a persone che non hanno mai avuto la capacità di provare queste emozioni.


LO SHOCK DELLA CONSAPEVOLEZZA


"Come può qualcuno che afferma di amarmi essere così crudele?".

"Vuoi dire che non mi ha mai amato? Era tutta una bugia?".

Quando iniziate a rendervi conto per la prima volta di essere stati coinvolti con qualcuno che ha un grave disturbo di personalità, potreste sentirvi completamente distrutti, come se aveste perso l'orientamento nel mondo e foste alla deriva.

Magari avete già chiuso delle relazioni affettive, tuttavia nessuna relazione precedente è paragonabile a questa.


Perché? Perché è così difficile superare l'esperienza con uno psicopatico?


Per tutta la vita, la società ci bombarda con messaggi come "siamo fondamentalmente tutti uguali", "vogliamo solo essere amati", "tutti meritano una possibilità", "l'amore può cambiare tutto", "c'è del buono in ognuno di noi", ecc.

Per quanto ci piacerebbe che queste idee fossero universali, non lo sono.

Purtroppo, esistono persone gravemente e profondamente disturbate, per le quali non si applicano gli stessi sistemi valoriali universalmente riconosciuti e accettati dal resto della società.

Così, quando ci imbattiamo in questi predatori umani, siamo totalmente impreparati.

Ecco perché questo tipo di esperienza è così devastante: perché demolisce radicalmente la nostra visione del mondo e contraddice tutto ciò che pensavamo di sapere e di comprendere di noi stessi e degli altri.

Questo è il motivo per cui ci sentiamo scardinati: non solo il nostro cuore è spezzato, ma la nostra comprensione della vita è spezzata.

Insieme alla guarigione emotiva, quindi, il recupero richiede anche un cambiamento delle nostre convinzioni più fondamentali.



Differenza tra psicotico e psicopatico